VISSI D'ARTE

VISSI D’ARTE è un film del 1935, diretto da Elliott Nugent, con Cary Grant e Elissa Landi. Distribuito da PARAMOUNT.

Una grande cantante, durante una rappresentazione, ha la veste in fiamme. Un giovane spettatore si precipita per salvarla e rimane gravemente ferito dal sipario di lamina, che cade sulla scena. La cantante lo cura e da infermiera, finisce a convalescenza ultimata, per divenire moglie. Idillico, il duetto iniziale della nuova vita, rischia di finire in un coro di proteste da parte del giovane marito che si accorge, dopo un po’ di tempo, quanto sia onerosa e poco simpatica la parte di “consorte” della diva. Egli, richiamato dai suoi affari in America, lascia la moglie ai suoi trionfi e rincontra, presso i suoi, la sua prima fiamma. Il continuo contatto finisce per riaccendere il sopito amore e, poiché la moglie diva non si decide mai a raggiungerlo, egli pensa di divorziare da lei per sposare quella che fu un tempo quasi fidanzata di lui. La moglie, per quanto diva, misura il pericolo e accorre. Ma l’accoglienza che riceve da parte del marito la convince che la situazione è quasi disperata. Accetta una scrittura per l’America del Sud ma, prima di partire, invita presso di sé il marito e la rivale. La finissima sua arte di scenica e di donna, trionfa completamente e le riacquista il marito.

UN'AVVENTURA IN POLONIA

UN’AVVENTURA IN POLONIA è un film del 1935, diretto da Carl Froelich, con Maria Andergast e Gustav Frohlich.

Un tenente degli Ussari conosce a Pietrogrado, alla vigilia della guerra, una contessina russa. Scoppiate le ostilità i due si incontrano in veste di nemici in un castello di confine di proprietà della contessina e che ora ospita il comando di una divisione germanica. Un vittorioso contrattacco russo caccia gli ussari dal castello ed il tenente per non essere fatto prigioniero, è costretto a rimanervi nascosto travestito da contadino. La contessina, che lo ama, lo aiuta a sfuggire alle ricerche ma il tenente è sorpreso a trasmettere al suo esercito importanti comunicazioni scoperte al castello, ed arrestato viene condannato a morte. Gli ussari, in base alle informazioni avute, riescono a ricacciare i russi ed a liberare il loro ufficiale. La promessa di nozze tra il tenente e la contessina chiude la vicenda.

TUTTA LA CITTA' NE PARLA

TUTTA LA CITTA’ NE PARLA è un film del 1935, diretto da John Ford, con Edward Brophy e Arthur Byron. Durata 93 minuti. Distribuito da CEIAD.

Un timido impiegato è il sosia di un famigerato gangster. Allochè quest’ultimo evade, la polizia arresta l’impiegato. Il gangster decide di assumere la sua identità ma il tentativo non riesce.DIALOGHI: ROBERT RISKIN – PRODOTTO: LESTER COWAN.

TUTTA LA CITTA' NE PARLA

TUTTA LA CITTA’ NE PARLA è un film del 1935, diretto da John Ford, con Edward Brophy e Arthur Byron. Durata 93 minuti. Distribuito da CEIAD.

Un timido impiegato è il sosia di un famigerato gangster. Allochè quest’ultimo evade, la polizia arresta l’impiegato. Il gangster decide di assumere la sua identità ma il tentativo non riesce.DIALOGHI: ROBERT RISKIN – PRODOTTO: LESTER COWAN.

STERMINATELI SENZA PIETA'

STERMINATELI SENZA PIETA’ è un film del 1935, diretto da George Marshall, con Cesar Romero e Bruce Cabot. Distribuito da FOX.

In una fattoria, ricovero di una banda di rapitori di bambini, capitano due coniugi con un loro figlioletto malato. Sopraggiunti i gangsters chiudono in una stanza gli indesiderabili ospiti e si spartiscono il bottino dell’ultimo ratto compiuto. Ma i biglietti di banca sono segnati dalla polizia che stringe intorno al covo le reti dell’inseguimento. Alcuni dei malfattori si allontanano per cadere sotto i colpi degli agenti finché, rimasti soli, il capo ed un suo collega vengono alle mani e il capo è ucciso. I coniugi allora approfittano della situazione per sbarazzarsi del superstite mentre la polizia sopraggiunge.

SOGNO D'ARTE

SOGNO D’ARTE è un film del 1935, diretto da Heinz Hill, con Erika Dannhoff e Franz Herterich. Distribuito da ENIC.

Una contessina ungherese che ha ereditato dalla mamma – già allieva prediletta di Liszt – la passione per la musica, lascia la propria famiglia, il fidanzato e la patria per seguire a Weimar la scuola diretta dal grande Maestro. Il fidanzato, un ufficiale della guardia, non si rassegna alla fuga e raggiunge a Weimar la contessina. Accortosi che non è ormai più solamente la musica a trattenere la contessina, provoca a duello il suo fortunato rivale e lo ferisce gravemente. La ragazza, a causa dello scandalo, deve abbandonare Weimar e ritornare tra i suoi. Qualche tempo dopo è invitata a suonare in un concerto che viene dato per festeggiare la venuta a Budapest di Liszt. Il successo personale è accompagnato dalla gioia di ritrovarvi, in veste di direttore di orchestra, la sua simpatia di Weimar; e così la vicenda può concludersi con l’abituale promessa.