Mission: Impossible - Fallout in streaming altadefinizione

Film del 2018

  • Stampa
  • Email
  • [x]
  • Video
Mission: Impossible - Fallout
  Valutazione film N.D.
Il video è divenuto in breve tempo virale. Tom Cruise, il 55enne che tuttora si rifiuta di ricorrere a degli stuntman per girare le scene d'azione, calcola male la distanza tra due edifici e si rompe la caviglia quando atterra dopo il balzo. Dapprima a immortalare l'incidente è stata una clip clandestina su YouTube e quindi il video ufficiale dell'incidente, commentato dallo stesso Cruise e dal cast del film al Graham Norton Show. Al solito autoironico e sorridente, Cruise ha agevolato un fermo immagine che chiarisce la dinamica della frattura, annunciando baldanzosamente la continuazione delle riprese. Nonostante i due mesi di stop la data di uscita di Mission: Impossible - Fallout è rimasta fissata per il 27 luglio 2018. Al pari di Jackie Chan, Tom non molla, sceglie di girare le scene d'azione in prima persona, più forte anche del tempo che avanza. E anziché abbassare l'asticella, l'attore aumenta i rischi, con uno stunt - si dice - mai tentato prima d'ora.
Ritorna Ethan Hunt e, con lui, un cast di comprimari di lusso: Ving Rhames, Michelle Monaghan, Rebecca Ferguson, Simon Pegg, mentre abbandona Jeremy Renner, impegnato con gli Avengers della Marvel e le loro Infinity Wars). Ad annunciare titolo dell'episodio e uscita è stato lo stesso Cruise su Instagram, insieme a una foto di scena che ha già scatenato le più ardite elucubrazioni. Cruise si trova infatti aggrappato a un elicottero, apparentemente privo di pilota, mandato alla deriva tra le montagne norvegesi, ad un'altezza di 600 metri sopra i fiordi. Uno stunt che ha richiesto un anno di preparazione fisica per poter essere affrontato al meglio. Ma di uomini d'acciaio in Fallout ce ne sono due. Il ruolo del villain è affidato stavolta a Henry Cavill, il Superman dell'universo cinematografico DC. Per meglio indossare le inconsuete vesti del "cattivo", Cavill sfoggia un paio di baffi inedito. Il cambio di look ha comportato delle difficoltà per il reshooting di alcune scene di Justice League, ma la Paramount si è imposta sulla Warner Bros: i baffi di Cavill non si potevano toccare. Si è resa necessaria una rimozione digitale dei baffi per il film DC, che ha richiesto così un costo altissimo di post-produzione.
Curiosa la coincidenza tra l'acronimo del sesto episodio, M:I6, e il nome dell'omonimo servizio segreto britannico, ma difficile che si trasformi in qualcosa più di un gioco di parole. Nonostante ciò, i loschi giochi all'interno dell'agenzia di Ethan Hunt possono ricordare da vicino quelli del "collega" James Bond, al servizio segreto di Sua Maestà. Tuttavia Mission: Impossible è un franchise nato per caso: pochi probabilmente avrebbero scommesso su una serie così longeva al tempo del primo film di Brian De Palma, ancor meno dopo il deludente sequel affidato a John Woo. Eppure è andata così, da un incipit mai visto prima - dopo il primo atto di Mission: Impossible vengono eliminati tutti i supposti comprimari di Hunt e quest'ultimo diviene un fuggiasco - sono nati sequel basati sul medesimo pattern di doppi e tripli giochi. Talpe, traditori e stunt incredibili sono diventati i segni distintivi di un franchise che sempre meno ha a che fare con l'omonima serie Tv degli anni Sessanta con Martin Landau. Alla regia siede di nuovo Christopher McQuarrie, che con Cruise ha ormai sviluppato un'intesa speciale. McQuarrie ha già diretto l'attore in Jack Reacher e nel precedente episodio della serie di Ethan Hunt, ossia Mission: Impossible - Rogue Nation. Con Fallout arrivano a quattro le regie firmate da Christopher McQuarrie, mentre molte di più sono le sue sceneggiature. Tra queste è impossibile non citare il pluripremiato script di I soliti sospetti, che proietta nell'immaginario il mefistofelico personaggio di Keyser Söze. 


Altro in questa categoria: « Ready Player One My Zoe »
Questo sito offre un semplice servizio di catalogamento. Ogni opera audio visiva elencata in questo sito è inserita in altri siti (Speedvideo (off-line).com, Veoh.com, download ecc..) e quindi non messa da noi. Ogni link ad opere dell’ingegno qui presente è reperibile tramite un qualsiasi motore di ricerca ed inoltre il materiale audio visivo (film in streaming e serie tv) per quanto ci concerne è autorizzato ad essere trasmesso dagli stessi siti che ne mettono a disposizione lo streaming e qualora così non fosse è responsabilità degli stessi siti di streaming cancellare il materiale protetto dalla vigenti norme sul diritto d’autore. Il nostro, in conclusione, è un semplice servizio di catalogamento di link verso materiale audio-visivo che non viola in alcun modo le leggi vigenti del nostro paese. Qualora siate convinti del contrario vi preghiamo di contattarci e di segnalare la legge e il\gli articolo\i secondo i quali il nostro non sarebbe un servizio regolare.