Il Giustiziere della Notte in streaming altadefinizione

Film del 2014

  • Stampa
  • Email
  • [x]
  • Video
Il Giustiziere della Notte
  Valutazione film 2,00
Paul Kersey è un chirurgo che vive una vita tranquilla e coscienziosa, tenendo a bada la propria aggressività. Quando la sua famiglia viene colpita brutalmente, tutta la sua rabbia esplode e, dopo aver preso per sé la pistola di un giovane membro di una gang, inizia a fare giustizia a modo suo per le strade di Chicago. La sua prima impresa viene filmata da un testimone e il video diventa virale, facendo di lui una specie di celebrità, anche se Paul vuole solo ritrovare la pace raggiungendo i criminali che hanno distrutto la sua famiglia.
Eli Roth sostiene che il suo giustiziere della notte voglia semplicemente far riflettere sulla questione senza prendere una parte, ma in realtà, con il suo tono, via via sempre sopra le righe (una uccisione sembra uscita da Final Destination, per quanto è comica), mostra un vigilante ben meno disturbante e problematico di quello di Charles Bronson. Tanto che questo aggiornamento 2018 non sembra avere il benché minimo travaglio interiore neppure all'inizio della propria trasformazione. E non ne avrà neppure quando le sue azioni avranno risultati non solo letali ma persino splatter, perché è pur sempre un film di Eli Roth (anche se il gore si fa attendere a lungo ed è comunque complessivamente limitato a pochi secondi). A fargli da voce della coscienza c'è il fratello, interpretato da Vincent D'Onofrio, ma a peggiorare le cose e a far definire questo film oltreoceano come uno spot per l'NRA (la National Rifle Association molto vicina a Trump) ci sono le scene nel negozio d'armi. Qui Roth vorrebbe forse essere sarcastico e ironico, visto che il protagonista pensa sia necessaria molta burocrazia per ottenere un fucile automatico pesante, ma la commessa gli risponde che è facilissimo. D'altra parte, verso il finale del film, vedremo Paul armarsi di tutti i gadget offerti dal libero accesso alle armi più estreme, consentito dall'attuale regolamentazione americana: quel che si dice un endorsement.
La ragion d'essere più interessante nel riprendere oggi il personaggio è come le sue imprese diventino virali sui social e scatenino una pericolosa emulazione, ma si tratta di una questione che viene accennata senza poi essere più di tanto sviluppata. Un'ulteriore criticità deriva dal fatto che Paul è bianco mentre la gran parte delle sue vittime sono persone di colore, cosa che viene discussa anche alla radio e - improbabilmente - divide la comunità nera. Come già in Unbreakable di Shyamalan, Bruce Willis interpreta un vigilante coperto da un semplice cappuccio. Il suo contrario, l'"uomo nero con cappuccio" è una descrizione fin troppo generica e diffusa tra i distretti di polizia americana e nasce da un implicito razzismo, per cui si pensa che un certo tipo di crimini sia commesso solo da neri. Joe Carnahan, autore della sceneggiatura, queste cose le sa bene e cerca di usarle come provocazione, ma senza dargli la minima profondità e Roth, da parte sua, fa tutto il possibile per alleggerire il film da ogni criticità. Tanto che la discesa di Paul agli inferi viene rappresentata con lo spostarsi a vivere nella cantina sotto casa, un po' come Batman con la Bat-caverna. Fatta questa premessa, se si decide comunque di non prenderlo sul serio, Il giustiziere della notte può risultare a tratti divertente, perché Bruce Willis sorride sornione come al suo solito mentre commette violenze di varia natura e perché l'azione, quando arriva, è messa in scena piuttosto bene. Notevole, per esempio, l'incipit, con un inseguimento tra polizia e criminali che poi diventa un'emergenza al pronto soccorso dove lavora Paul; tutto è realizzato con un ritmo indiavolato e mobilissimi movimenti di camera come in una puntata di lusso di E.R.. Peccato che subito dopo il film si sieda e l'azione riprenda parecchio più tardi: ci vuole metà film almeno prima che Willis diventi "il giustiziere" (in originale The Grim Reaper, ossia "il triste mietitore"). L'epilogo poi, pur ricalcando quello originale, aggiunge un ulteriore happy end e risulta davvero fin troppo lieto e spensierato per un personaggio che avrebbe affrontato un percorso così oscuro. 


Altro in questa categoria: « Oliver, Stoned Dmd Kiu Lidt »
Questo sito offre un semplice servizio di catalogamento. Ogni opera audio visiva elencata in questo sito è inserita in altri siti (Speedvideo (off-line).com, Veoh.com, download ecc..) e quindi non messa da noi. Ogni link ad opere dell’ingegno qui presente è reperibile tramite un qualsiasi motore di ricerca ed inoltre il materiale audio visivo (film in streaming e serie tv) per quanto ci concerne è autorizzato ad essere trasmesso dagli stessi siti che ne mettono a disposizione lo streaming e qualora così non fosse è responsabilità degli stessi siti di streaming cancellare il materiale protetto dalla vigenti norme sul diritto d’autore. Il nostro, in conclusione, è un semplice servizio di catalogamento di link verso materiale audio-visivo che non viola in alcun modo le leggi vigenti del nostro paese. Qualora siate convinti del contrario vi preghiamo di contattarci e di segnalare la legge e il\gli articolo\i secondo i quali il nostro non sarebbe un servizio regolare.