Warning: file_get_contents(http://altadefinizione.bid/?s=Sopra%20e%20sotto%20il%20ponte): failed to open stream: Connection refused in /web/htdocs/www.tantifilm.cloud/home/components/com_k2/templates/default/item.php on line 21

Sopra e sotto il ponte in streaming altadefinizione

Film del 2006

  • Stampa
  • Email
  • [x]
Sopra e sotto il ponte
  Valutazione film 1,25

Un film di Alberto Bassetti. Con Lorenzo De Angelis, Isabel Russinova, Davide Rossi, Graziano Piazza, Clio Bassetti Drammatico, durata 81 min. - Italia 2006. uscita venerdì 28 aprile 2006.

Sopra un cavalcavia nella periferia di Roma si incontrano ogni giorno Alessandro, figlio adolescente di un commerciante di articoli sacri e Deborah e Valerio, fratelli e orfani di padre "adottati" da una madre che arrotonda lo stipendio prostituendosi. Alessandro e Deborah vivono il loro acerbo amore sotto gli occhi disincantati di Andrea, che come la sorella sogna il successo rapido e indolore, i soldi e un'auto sportiva. Ignorando che i loro figli si frequentino, il padre di Alessandro paga per qualche ora di sesso la mamma degli amici del figlio. Le migliori intenzioni formative degli adulti, tradotte in una conversione esclusivamente materiale di sé e dei propri figli, verranno presto smentite dalle loro condotte e il vuoto lasciato dal salto generazionale e dalla delusione condurrà i ragazzi, senza peccato, a scagliare (forse) la pietra.
È imbarazzante l'opera prima dell'autore teatrale Alberto Bassetti, che non sembra trovarsi a suo agio sullo schermo come sulle tavole del palcoscenico. Del cinema ignora la potenzialità visiva e visionaria, soprattutto trattando di adolescenti alla deriva. Altrimenti avrebbe lasciato spazio alle immagini e allo squallore dei ponti che uniscono la varia umanità del quartiere di una periferia agonizzante, affrancandole dai tanti e troppi dialoghi retorici e insopportabili. Parole che parlano per luoghi comuni messe in bocca a bravi attori di teatro, come Graziano Piazza, e a giovani attori esordienti, che riconfermano soltanto la tendenza "nepotista" del cinema italiano. Tratto dall'omonima commedia del 1995, scritta prima del tragico episodio di Tortona, non possiamo che augurarci che la versione teatrale sia più riuscita e felice. Di chiara ispirazione pasoliniana nel confronto tra la "meglio gioventù" borghese e la peggio proletaria e nella comparazione tra la matura prostituta di Isabel Russinova con la "mammaroma" di Anna Magnani, il film non possiede la filosofia dell'essere del poeta friulano, la sua sacralità, la sua pietas. Nemmeno il protettore di Citti che prostituiva la madre del figlio si avvicina per prosaicità al padre del protagonista. Vogliamo sperare che da qualche parte, nelle famiglie italiane, sopravvivano padri poeti. Perché le parole sono importanti.


Questo sito offre un semplice servizio di catalogamento. Ogni opera audio visiva elencata in questo sito è inserita in altri siti (Speedvideo (off-line).com, Veoh.com, download ecc..) e quindi non messa da noi. Ogni link ad opere dell’ingegno qui presente è reperibile tramite un qualsiasi motore di ricerca ed inoltre il materiale audio visivo (film in streaming e serie tv) per quanto ci concerne è autorizzato ad essere trasmesso dagli stessi siti che ne mettono a disposizione lo streaming e qualora così non fosse è responsabilità degli stessi siti di streaming cancellare il materiale protetto dalla vigenti norme sul diritto d’autore. Il nostro, in conclusione, è un semplice servizio di catalogamento di link verso materiale audio-visivo che non viola in alcun modo le leggi vigenti del nostro paese. Qualora siate convinti del contrario vi preghiamo di contattarci e di segnalare la legge e il\gli articolo\i secondo i quali il nostro non sarebbe un servizio regolare.