Pavee Lackeen – The Traveller Girl

Winnie è una ragazzina di 10 anni che vive nella periferia di Dublino in un camper senza ruote. Insieme alla sua famiglia fa parte della comunità dei Traveller, che vive ai margini della società e del sistema, preservando i propri usi e costumi, ma subendo la diffidenza e l’emarginazione dagli abitanti della città che avvertono queste persone come una minaccia per la loro cultura. La famiglia di Winnie, in assenza del padre andatosene molti anni prima, si stringe intorno alla madre, una donna costretta quotidianamente a lottare per non scendere a patti con gli assistenti sociali. Il regista (che è fotografo e pubblicitario ad alto livello) ha costruito un film di finzione lavorando però con persone ‘vere’. Winnie e sua madre vivevano e vvoino tuttora in quella roulotte ma non sono ‘zingare’. Non hanno nulla a che vedere con i ‘rom’, sono autoctone e probabilmente discendenti da una comunità dispersa all’epoca di Cromwell. La lezione di Rosetta dei Dardenne è evidente in questo film che però segue altri percorsi, sia stilistici che narrativi. I dieci mesi che sono stati necessari per completarlo si sentono nel film. Si comprende cioè che tra realizzatore e ‘attori’ si è creato progressivamente un clima di fiducia tale da far emergere sullo schermo la vita ‘vera’. Quella che, come dice all’inizio del film una vecchia che sa leggere la mano, “E’ come un conto in banca: non puoi prelevare quello che non ci hai messo.”

[x]

Winnie è una ragazzina di 10 anni che vive nella periferia di Dublino in un camper senza ruote. Insieme alla sua famiglia fa parte della comunità dei Traveller, che vive ai margini della società e del sistema, preservando i propri usi e costumi, ma subendo la diffidenza e l’emarginazione dagli abitanti della città che avvertono queste persone come una minaccia per la loro cultura. La famiglia di Winnie, in assenza del padre andatosene molti anni prima, si stringe intorno alla madre, una donna costretta quotidianamente a lottare per non scendere a patti con gli assistenti sociali. Il regista (che è fotografo e pubblicitario ad alto livello) ha costruito un film di finzione lavorando però con persone ‘vere’. Winnie e sua madre vivevano e vvoino tuttora in quella roulotte ma non sono ‘zingare’. Non hanno nulla a che vedere con i ‘rom’, sono autoctone e probabilmente discendenti da una comunità dispersa all’epoca di Cromwell. La lezione di Rosetta dei Dardenne è evidente in questo film che però segue altri percorsi, sia stilistici che narrativi. I dieci mesi che sono stati necessari per completarlo si sentono nel film. Si comprende cioè che tra realizzatore e ‘attori’ si è creato progressivamente un clima di fiducia tale da far emergere sullo schermo la vita ‘vera’. Quella che, come dice all’inizio del film una vecchia che sa leggere la mano, “E’ come un conto in banca: non puoi prelevare quello che non ci hai messo.”

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating / 5. Vote count:



Tipo Server Qualità Lingua Aggiunto
Streaming openload.coHDITARECENTE
Streaming wstreamHDITARECENTE
Streaming nitroflareHDITARECENTE
Streaming uploadgigHDITARECENTE

Lascia un commento